Macelleria Conco

LUN-MER-DOM: 8 -12:30
MAR-GIO-VEN-SAB: 8 - 12:30 | 16 - 19:30

Novità: Ordina ora la carne online! Puoi ritirarla in macelleria o farla arrivare a casa tua!
Logo_light
ordina ora
differenza tra carne di pollo e tacchino

Qual è la differenza tra carne di pollo e tacchino?

C’è un grandissimo errore che tutti noi abbiamo commesso almeno una volta: credere che la carne di pollo fosse uguale a quella di tacchino per le sue proprietà. Queste due carni, infatti, vengono definite “bianche” e, proprio per questo, si è un po’ più predisposti a pensare che a livello nutrizionale siano molto simili, se non uguali. Anche nelle preparazioni, molte volte la carne di pollo viene sostituita con quella di tacchino, e viceversa. Ma qual è, allora, la differenza tra carne di pollo e tacchino? Te lo sveliamo in questo articolo che abbiamo preparato per te!

Cosa significa carni bianche? 

Intanto iniziamo da un concetto che molti non conoscono: quello che riguarda le carni bianche. Vengono definite come carni “bianche”, infatti, quella di pollo, tacchino e coniglio. A queste, però, si aggiungono molto spesso anche il vitello, l’agnello e il capretto, anche se non propriamente, poiché le caratteristiche sono diverse dalle carni bianche “vere”. Molto spesso viene consigliato il consumo delle carni bianche proprio perché di gran lunga meno infiammanti rispetto alle rosse e molto più facili da digerire. Le carni bianche, infatti, contengono poco tessuto connettivo e una quantità di grassi infima. Proprio per questo motivo, sono largamente consigliate a chi deve cercare di tenere sotto controllo il peso corporeo o che sta seguendo una dieta specifica per la perdita del peso o per attenuare i tassi di infiammazione. 

Ecco la differenza tra carne di pollo e tacchino

pollo vs tacchino

Sin dall’inizio di questo articolo ti abbiamo detto che c’è una bella differenza tra carne di pollo e tacchino. Ora ti sveleremo qual è, sei pronto?

La sostanziale differenza tra carne di pollo e tacchino sta proprio nella concentrazione di colesterolo. Prendiamo ora 100 g di pollo e 100 g di tacchino per spiegare in che cosa sono diversi. Il pollo contiene 93 mg di colesterolo mentre il tacchino, a parità di peso, ne contiene ben 195 mg, più del doppio! Eliminando la pelle, però, il “problema” quasi si risolve. 

L’altra differenza, anche se secondaria, è data dal valore delle calorie: 100 g di carne di tacchino possiedono 135 kcal, mentre la stessa quantità di pollo ne ha 171. Proprio per questo motivo il tacchino è adatto per le diete ipocaloriche. Ovviamente questi dati non sono validi per tutti i tagli: la fesa non avrà le stesse proprietà del petto.

Se vuoi scoprire tutte le caratteristiche della carne di pollo, abbiamo scritto un altro articolo nel nostro blog: 

Ricetta: scaloppine di tacchino al limone

scaloppine di tacchino al limone

Ingredienti

  • 500 g di fesa di tacchino a fette sottili
  • farina q.b.
  • 200 ml di vino bianco secco
  • un limone succoso
  • un cucchiaio di maggiorana tritata
  • un cucchiaio di prezzemolo tritato
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • una noce di burro
  • sale q.b.

Procedimento

Dividi il tacchino in fettine più piccole, di circa tre dita per lato, e infarinale. In una larga padella antiaderente scalda il burro con sei cucchiai di olio e rosola le scaloppine 3-4 minuti, per parte fino a che saranno dorate su entrambi i lati. Mettile da parte mentre ripulisci la padella dal grasso di cottura con carta da cucina assorbente. Disponi di nuovo le scaloppine nella padella, rimettila sul fuoco e bagna con il vino e il succo del limone. Sala e prosegui la cottura a fiamma media per qualche minuto, fino a che il fondo di cottura si sarà parzialmente assorbito, diventando più denso. Spolverizza con le erbe tritate, rigira le scaloppine nel sugo perché si insaporiscano e togli dal fuoco. Servi subito.

Ti è piaciuta questa ricetta? Allora se sei della zona Altopiano di Asiago ti aspettiamo nella nostra macelleria a Conco per acquistare tutto l’occorrente per prepararla!